La Direttiva Quadro sulle Acque non sarà modificata

358 0
Airone Bianco prende il volo ai margini di una zona umida

A dirlo è il Commissario europeo per l’ambiente, l’oceano e la pesca, Virginijus Sinkevičius, che ha confermato la necessità di concentrarsi sul sostegno all’attuazione e al controllo “senza modificare la direttiva”. 

La decisione della Commissione è stata accolta favorevolmente dal CIRF che insieme a Wetlands International, WWF, EEB, European Anglers Alliance e European Rivers Network e tante altre associazioni italiane e europee hanno supportato la coalizione Living Rivers Europe e hanno guidato la campagna #ProtectWater per salvaguardare la direttiva.

Dall’avvio della valutazione della Commissione Europea la Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE) è stata sottoposta infatti a forti sollecitazioni da parte delle lobby di settori che esercitano pressioni sugli ecosistemi di acqua dolce, tra cui l’industria idroelettrica e l’agricoltura industriale.

La posizione difesa dal CIRF in questi anni invece è che solo attraverso l’attuazione della Water Framework Directive si possono garantire le condizioni per pianificare e finanziare le misure utili a raggiungere e preservare un buono stato in tutte le acque superficiali e sotterranee europee. Questa convinzione è stata espressa anche al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa con una lettera di cui siamo stati primi firmatari.

È stato proprio il Ministro, in una recente audizione, a confermare che

La recente policy comunitaria riconosce la necessità, tra le altre, di una gestione adattiva delle acque e dei corpi idrici e dei relativi ecosistemi, menzionando esplicitamente la riqualificazione dei corsi d’acqua attraverso strategie di mitigazione dei rischi di alluvione che partano dall’utilizzo di misure basate sui processi naturali e sulla riduzione di vulnerabilità ed esposizione. Pensate al consumo di suolo, all’urbanizzazione di aree a rischio, previo rilassamento dei vincoli di piano. […]
Per quanto riguarda le acque, il rischio idraulico e gli ecosistemi acquatici, la direttiva quadro acque e la direttiva alluvioni già prevedono una gestione adattiva di bacino che considera i potenziali effetti del cambiamento climatico.

Min. Sergio Costa, audizione del 16 giugno 2020

Anche le conclusioni della valutazione attuata in sede europea, pubblicata a dicembre 2019, sono state chiare: la direttiva quadro sulle acque è lo strumento giusto per riportare la vita ai fiumi, ai laghi e alle zone umide dell’Europa e tutti gli sforzi devono ora essere messi in pratica.

Finalmente, sette mesi dopo, la Direzione Generale Ambiente EU ha informato i propri membri che, sulla base della discussione con il commissario Sinkevicius, la direttiva quadro sulle acque non sarà modificata e d’ora in poi la Comunità Europea si concentrerà esclusivamente sulla sua attuazione e applicazione.

Vogliamo ringraziare quindi tutti coloro che ci hanno aiutato a difendere la direttiva, e condividere con voi questo simpatico video!

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.