Un terzo degli eurodeputati italiani vota contro la tutela del suolo

89 0
tutela del suolo

Oggi, 2 giugno, festa della Repubblica, riportiamo un articolo intitolato “Cara Repubblica, ti stanno togliendo la terra da sotto i piedi“, firmato dal professor Paolo Pileri, docente ordinario di Pianificazione territoriale e ambientale al Politecnico di Milano. 

L’articolo nasce all’indomani del recente voto del Parlamento Europeo, passato a grande maggioranza, di una risoluzione che stabilisce come la protezione del suolo debba essere un caposaldo delle future strategie di sviluppo europee. La risoluzione tocca molti aspetti significativi, dall’impatto economico che il degrado del suolo ha sull’economia europea (oltre 50 miliardi di euro all’anno), alla natura di risorsa non rinnovabile dello stesso fino a toccare aspetti di armonizzazione della normativa dei singoli stati membri. 

Perché quindi l’articolo del prof. Pileri ha un’accezione così negativa? Perché questo voto ha fatto emergere una “posizione anti-ecologica” da parte quasi esclusivamente dell’Italia. 

Da un lato infatti quasi la metà di tutti i voti contrari registrati presso l’Europarlamento viene da parlamentari italiani aderenti al partito della Lega. Questa avversione al piano europeo risuona anche nelle 269 pagine del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) dove l’Autore ritrova “deregulation, smontaggio delle valutazioni ambientali, deroghe e scorciatoie per fare in fretta infrastrutture impattanti, logistica e ricuciture urbane” con ulteriore consumo del suolo italiano, già fragile e abusato. 

A parere dell’Autore il PNRR nasce quindi come uno strumento dissonante rispetto alla visione dell’Europarlamento, apparendo inadeguato e scollegato alle sfide ecologiche che l’Italia aspetta ormai da molto tempo e che a livello europeo ricevono ben più alta considerazione.

Condividiamo questa analisi e per approfondire ulteriormente vi invitiamo a leggere e condividere l’articolo del prof. Pileri.

Altraeconomia – Cara Repubblica, ti stanno togliendo la terra da sotto i piedi

Hits: 47

Nessun commento

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.