Pubblicato il report “Assessment of Member States’ progress in the implementation of Programmes of Measures during the first planning cycle of the Water Framework Directive”

389 0

ec_logo

È stato recentemente pubblicato dalla Commissione Europea un documento in cui si fa il punto sullo stato di implementazione dei Programmi di Misure implementati in Italia per l’attuazione di quanto previsto dalla Direttiva Europea 2000/60/CE (Direttiva Quadro sulle Acque – DQA).

La Direttiva prevede che gli Stati membri stabiliscano Programmi di Misure (Programmes of Measures – PoM), redatti a scala di “distretto idrografico” (unità territoriali di riferimento, costituite da uno o più bacini idrografici), allo scopo di identificare appropriate azioni, volte ad ottenere lo stato di “buono” per tutti i corsi d’acqua principali entro il 31 dicembre 2015.

Oltre alle “basic measures”, come interventi strutturali, per perseguire quanto previsto dalla DQA vengono esaminate anche le “supplementary measures”, quali ad esempio interventi legislativi, ricerche  o campagne informative.

stato_implementazione_wfd_img_1

Fonte: "Assessment of Member States’ progress in the implementation of Programmes of Measures during the first planning cycle of the Water Framework Directive", 2015

Fonte: “Assessment of Member States’ progress in the implementation of Programmes of Measures during the first planning cycle of the Water Framework Directive”, 2015

Il documento costituisce una sintesi di precedenti valutazioni, svoltesi nel 2012 e 2013, basate su questionari inviati a ciascuno Stato Membro.

Tra i risultati del report, si evince la presenza di azioni ancora in corso in almeno sette degli otto distretti idrografici in cui è suddiviso il territorio italiano. Molte di queste risultano essere state finanziate, sebbene si evidenzi un ritardo in alcune di esse, di cui la mancanza della disponibilità dei finanziamenti potrebbe essere causa.

Ruolo fondamentale nell’implementazione delle azioni è giocato dalle Regioni, cui si deve anche gran parte delle informazioni raccolte. Si denota, tuttavia, la mancanza di un quadro informativo completo e tale da consentire confronti tra i diversi bacini distretti idrografici.

Per consultare il documento, clicca qui .