Dichiarazioni del Ministro Orlando in Sardegna – apprezzamento del CIRF

464 0

Dalla Sardegna il Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando ha dichiarato: “Credo non ci sia da fare nei territori ma da sfare. Si tratta di capire oggi quali operazioni siano prioritarie. Si continua a intervenire per costringere le acque, spostare gli argini dei fiumi a monte, la pressione delle acque a valle. Serve invece rinaturalizzare. Basta tombare i canali, deviare i corsi d’acqua. Così si sposta il problema“.

fonte: La Nuova Sardegna, 24/11/2013, pag. 7

Si tratta di un indirizzo in controtendenza con le scelte politiche degli ultimi decenni. Il CIRF da anni richiama alla necessità di una gestione efficace del rischio idraulico integrata con gli obiettivi di qualità dei corpi idrici sanciti dalla Direttiva Europea sulle Acque (2000/60/CE): restituire spazio ai fiumi ove e quanto compatibile con il contesto e assecondarne le dinamiche, lasciando la possibilità di esondare o erodere/depositare dove questo possa avvenire senza minacciare vite umane o beni di interesse rilevante. Del resto, anche la Direttiva Europea sulle Alluvioni (2007/60/CE) ribadisce che la gestione dei rischi da alluvioni deve essere incardinata sui concetti di non occupazione o ripristino delle aree destinate all’espansione naturale dei corsi d’acqua, di minimizzazione del rischio e di misure di adattamento al rischio residuo, e non sulla mera costruzione di opere in modo diffuso.

Auspichiamo che le parole del Ministro adesso si trasformino in passi concreti. C’è senza dubbio un problema di maggiori risorse da destinare alle misure di adattamento al dissesto idrogeologico, ma c’è anche la necessità di usare meglio le risorse attuali, limitando  il ricorso alle opere idrauliche solo ai casi in cui esse siano veramente irrinunciabili e privilegiando le azioni strutturali e non, che favoriscano l’espansione controllata delle acque di piena nei tratti di monte, in modo da ritardarne e smorzarne i colmi nella propagazione verso valle.

Terralba, provincia di Oristano, Sardegna (ANGELO CUCCA/AFP/Getty Images)

Terralba, provincia di Oristano, Sardegna
(ANGELO CUCCA/AFP/Getty Images)